La sua voce è un sussurro, i suoi pensieri grida nella notte. Cammina a testa bassa per strada, per non incrociare nessuno sguardo; a guardare in alto ci ha rinunciato da tempo, da quando ha capito che le favole sono solo bugie e i sogni illusioni. Ride, ma non ce la fa a fingere. Certe volte scappa, e torna poco dopo con gli occhi un po’ rossi, ma un sorriso che è come il cielo limpido dopo la pioggia. Il profumo delle lacrime ancora sulle guance.
Macerie sul cuore, polvere negli occhi. Cade a pezzi, e certe volte s’incanta come una macchina rotta. E dire che è tutta colpa sua. E’ stata lei a rovinarsi lentamente. Con in mano una vita che non sapeva come usare, è caduta nel vuoto dopo che la sua anima bambina si è sporta troppo verso un mondo che le avrebbe fatto solo male.
"Bisogna amarsi, e poi bisogna dirselo, e poi bisogna scriverselo, e poi bisogna baciarsi sulla bocca, sugli occhi, e ovunque.”
V. Hugo (via distruggerci)
"Hai mai provato un dolore emotivo talmente forte da sembrare fisico?”
Carmen Monroe —  (via ilragazzomezzomorto)

cavolo si!

(via fe2fe)
"Amo i letti sfatti. Amo quando le persone sono ubriache e piangono e non posso essere altro se non onesti in quel momento. Amo lo sguardo negli occhi delle persone quando realizzano che sono innamorate. Amo lo sguardo delle persone quando si sono appena svegliate e si sono dimenticate di cosa li circonda. Amo il sospiro che fanno le persone quando il loro personaggio preferito muore. Amo quando le persone chiudono i loro occhi e si perdono da qualche parte nelle nuvole. Mi innamoro delle persone e dei loro momenti di onestà ogni volta. Mi innamoro dei loro crolli e del loro trucco sbavato e dei loro sogni quotidiani. Ma onestamente è tutto troppo bello per poterlo esprimere a parole.”
Jamie Campbell Bower (via ilmiocuorehabisognodiessereamato)
"Con la voglia di gridare ma con le parole incastrate in gola.”
— Dio non esiste, decido io. (via diononesistedecidoio)
©